Biglietteria on line

Ritorno

Gli Appuntamenti del Castello con i personaggi celebri dal XVII al XIX secolo

Abd El-Kader

Le Siège de la Cour Royale aux XVe. et XVIe. siècles

Il Duca di Aumale, figlio di Luigi Filippo, ha un ruolo determinante nella colonizzazione dell'Algeria. Nel 1843, in occasione della conquista di Smala, batte l'emiro di Algeri, Abd El Kader. Qlest'ultimo è un leader politico influente, ma anche un capo religioso e un filosofo. Malgrado gli impegni del Duca di Aumale e del generale De Lamoricière di espellerlo verso San Jean d'Acre o Alessandria, l'emiro è trasportato a Tolone (1848) e gli si impone in seguito di restare confinato nel Castello di Amboise, insieme a sua madre, alle sue mogli, ai suoi fratelli, ai suoi figli, ai loro precettori, ai califfi e ai domestici, vale a dire ottantotto persone 10. L'emiro passa quattro anni al Castello (nel parco, è ancora visibile un monumento alla memoria dei membri del suo seguito morti a Amboise) prima di essere liberato personalmente da Luigi Napoleone Bonaparte, Principe Presidente, il 16 ottobre 1852, data alla quale lascia la Francia per la Turchia e quindi Siria, dove consacra il resto della sua vita alla meditazione e all'insegnamento, fino alla sua morte avvenuta il 26 maggio 1883 a Damasco

Le Siège de la Cour Royale aux XVe. et XVIe. siècles

Abd el-Kader Il Giardino Orientale, In memoria dei compagni dell'Emiro.

Il castello di Amboise pone l'accento sull'episodio della detenzione tra il 1848 ed il 1852 dell'Emiro Abd el-Kader e dei suoi compagni. Rachid Koraïchi ha creato un giardino di meditazione e di contemplazione. Questo vero e proprio luogo di memoria è costituito da 25 steli d'Alep sulle quali sono state incise frasi estratte dal Corano che celebrano la pace e la tolleranza. La scelta dei vegetali e i riferimenti simbolici sottolineano la ricchezza delle influenze culturali mediterranee e l'immortalità dei valori universali di tolleranza difesi dall'Emiro Abdelkader.

1 2 3

Facebook Tripadvisor Twitter Instagram Google +